Contenuto del tè

  • Autore dell'articolo:
  • Categoria dell'articolo:
  • Commenti dell'articolo:0 Commenti

Tutti noi conosciamo il tè ma probabilmente ne ignoriamo gran parte dei benefici. Lo beviamo perché è buono, cos’altro c’è da aggiungere…

Beh, inizierei descrivendoti la composizione di questa bevanda millenaria per poi passare a cosa le sue proprietà portano.

Il tè si compone di:

  • Teanina: è un amminoacido con proprietà psicoattive, che può produrre una sensazione di riduzione dello stress e quindi di rilassamento
    • Fluoro: è un minerale naturale, che fortifica le ossa, favorendo il deposito del calcio al loro interno e apporta benefici per il corretto sviluppo dei denti
    • Teofillina: sostanza psicoattiva con effetti rilassanti sul tessuto bronchiale
    • Teobromina: sostanza psicoattiva con effetti stimolanti
  • Tannini: sono composti polifenolici, appartenenti alla classe dei flavonoidi, con proprietà astringenti, sono i principali responsabili della sensazione di secchezza della bocca dopo aver bevuto una tazza di tè. Hanno anche proprietà antisettiche, antibatteriche e antidiarroiche. 
  • Catechine: sono composti appartenenti alla classe dei flavonoidi come i tannini. Sono sostanze antiossidanti di cui fanno parte anche le teaflavine e le tearubigine, anch’esse presenti nel tè

 

Dulcis in fundo

 

  • Caffeina: da un punto di vista chimico, teina e caffeina sono due molecole identiche. Sono degli alcaloidi stimolanti.

 

Le quantità all’interno di una tazza di tè di queste sostanze, in particolare della caffeina sono variabili a seconda dei tempi di infusione ma anche della tipologia di tè presa in considerazione.
Il motivo? I diversi tipi di lavorazione e tipi di raccolta adottati, che conferiscono proprietà differenti alle varietà di tè prodotte.

Possiamo fare due esempi su tutti, prendendo in esame i tipi di tè più conosciuti e che sicuramente avrai provato se sei arrivato fin qui: il tè verde e il tè nero.

Nel tè verde prevalgono i flavonoidi con una struttura più semplice, detti catechine.
Nel tè nero invece, i flavonoidi sono presenti anche in strutture più complesse. Il tutto è dovuto ad una diversa macerazione delle foglie, che sono responsabili del colore scuro della bevanda. 

Le quantità delle sostanze di cui abbiamo parlato variano notevolmente anche in base all’uso di foglie di tè piuttosto che delle comuni bustine. In molti tipi di tè, sono le foglie fresche ad avere la più alta concentrazione delle sostanze stimolanti descritte sopra. 

Ad ogni modo possiamo dire che mediamente una tazza di tè può contenere dai 30 ai 44 mg di caffeina al suo interno. 

Giunti a questo punto mi è venuta voglia di scoprire gli effetti e i benefici di tutte queste proprietà, a te no? Clicca qui 👉🏻👉🏻 Effetti benefici del tè

Su di noi

Qualcosa su di noi

Pagine

Lascia un commento